(incontri in chat porno, magari!)

Enrico Costa incontra Mazzei al bar delle puttane coalizzate

..”guarda, è vero, ti può capitare una serata nella quale fai gli incontri sbagliati, ma non sono mica tutte così le puttane indonesiane; io ne ho trovate alcune che veramente sono capaci di fare i pompini-col-culo, letteralmente, dico, e senza che le paghi, anzi, il Taxi lo pagano loro, proprio per sottolineare il fatto che non sono donnine-allegre” spiegò il Costa, ed era sincero, il suo non era affatto un tono consolatorio. “Ma anche quelle puttane-coalizzate che mi hanno dissanguato stasera sono indonesiane..” ribatté Mazzei “sì, indonesiane, ma non sono tutte così, ti è andata male, è una questione anche di fortuna, e poi, qui a Hong Kong, subiscono l’influenza malefica del centro finanziario internazionale, cazzo, passano da 50 mila rupia a 150 mila HK$, è una cosa da pazzi. Per scopare le indonesiane giuste, a Hong Kong, devi farti presentare, o conoscere via internet, meglio, qualche tardona che è qui per lavoro. Naturalmente ti becchi la quarantenne, e anche la quarantanovenne, ma se pure fosse una sessantenne, il culo di un’indonesiana di sessant’anni è sempre più attivo di quello di una trentenne europea.”

“Parli per esperienza?”

“Beh, una volta ho scopato una nonna, a Bali, non so quanti anni avesse, però mi ha detto che aveva nipotine, che era nonna, e però – pensa che impegno sociale ed intellettuale, che donna matura – mi faceva vedere le foto della sua sfilata patetica in costume da bagno, organizzata non so per chi e non so da chi, comunque lei sfilava in costume, assieme ad altre tardone, e non era affatto male. Invece di farmi vedere le foto delle nipotine, oppure, invece di fare cose concrete nel mondo degli affari o della didattica, la donna indonesiana, fino alla fine, si atteggia ad “artista” della patata rasata, una sfila in costume per la pubblicità dei costumi da bagno, un’altra posa nuda per un pittore, un’altra ancora faceva l’avvocato e si è dimessa per diventare “un’artista” della letteratura, si è messa a scrivere un libretto per i bambini, in Canada, e però si considerava già ‘artista”, al suo primo stupido libro illustrato per bambini ritardati, mi diceva, ‘ora che ho iniziato questa mia nuova carriera di artista…ma dio cane, ma che cazzo di avvocato sarà mai stata?”

“Lascia perdere, non parliamo di avvocati, me ne succedono di tutti i colori, meglio che stiamo sulle puttane che fanno i pompini-col-culo.”

“Hai ragione” dovette allora ammettere Enrico Costa, ma perché mai doveva spiegare i suoi sistemi per scopare ad un estraneo, ad uno con quella faccia da cretino poi? Solo perché era italiano, un italiano in cattività, appunto, come lui? Allora Costa non sapeva niente degli italiani in cattività, proprio lui, che era il più cornuto e il più ruffiano di tutti? Gli italiani avevano moltissimi difetti e fra questi due in particolare, in momenti come quello: primo, se potevano riempirti di chiacchiere inutili e di barzellette tediose o di aneddoti frutto delle più stupide fantasie, non si sottraevano, ma quando si trattava di rispondere domande a proposito d’informazioni che potevano esserti utili, era sempre così, o ti depistavano per non dirti i loro segreti e per non condividere le loro conoscenze, oppure erano troppo ignoranti e/o deficienti e/o inconcludenti per risponderti in modo costruttivo. Parlare con loro era sempre una infruttifera perdita di tempo. Se ti servivano informazioni, o domandavi a qualche altro straniero, non italiano, oppure ti bruciavi la schiena andando per tentativi, certo non potevi chiedere ai cinesi, perché quelli erano più ignoranti di tutti, anche e soprattutto a proposito delle questioni che riguardavano la terraferma cinese. Naturalmente questa loro gelosia infantile, degli italiani, circa le loro piccole conoscenze, secondo loro apparteneva ad una certa logica che, stupidamente, non consideravano meschina. Il compagno di classe che non ti passa i compiti, che non ti risponde, che non ti passa gli appunti all’università, il finto webmaster che scrive un sacco di amenità inutili sui forum per dilettanti-menomati che fingono di guadagnare tantissimo ma che a malapena si pagano le spese per il mantenimento del server, gli impiegati che non dicono ai colleghi quanto guadagnano veramente…di esempi Costa poteva farne a migliaia. Solo lui poteva raccontare i fatti del suo lavoro ad estranei, perché sapeva che non sarebbero mai calati in Cina per “rubargli l’idea”, anche perché non c’era proprio nessuna idea da rubare, lui si faceva il culo e basta, e chi trovi in Italia che ti ruba l’idea di farti il culo? per gli italiani la buona idea è quella che ti fa guadagnare senza dover lavorare o, quantomeno, lavorando pochissimo.

Il secondo mortale difetto degli italiani in cattività, ma poi lo stesso difetto lo alimentavano anche in patria, altro che, era che non perdevano mai un’occasione per tentare di prendersi confidenze con le donne degli altri. Pareva fossero incapaci, o troppo pigri o troppo insicuri, per tentare di rimorchiare qualche puttana per conto loro. No, loro dovevano sempre sbavare con le donne degli altri, meglio se di amici intimi, meglio se erano le mogli dei fratelli, dei cugini, dei parenti e degli affini, erano sempre lì, appiccicati addosso a femmine che non li avrebbero voluti “filare di pezza” se non fossero state costrette a sentirli per amor di patria, perché erano amici dei loro “morosi” e quindi bisognava cercare di essere cordiali e gentili, e quante cazzate che sparavano, madonna quante! No, Costa almeno non pareva avere questo difetto, era vissuto all’estero più della metà della sua squallida vita, che ora era anche più squallida, e aveva difetti anche peggiori, ma non cercava di fingersi maleducato, si fingeva anzi educato e non molestava le donne degli altri, ammorbandole con stupidissime e noiosissime chiacchiere. E poi si teneva la moglie in cattività, proprio così, si teneva moglie e figli espatriati, come lui, per la vita, proprio lì dove bisognava andare scapoli, per fare le batterie con le puttane asiatiche. Costa era il tipo che, se fosse andato all’Oktoberfest di Monaco in Baviera, si sarebbe portato la birra da casa. E però, anche se Costa fosse stato come gli altri e, soprattutto, anche e Mazzei fosse stato come tutti gli altri italiani che s’incontrano nel sud est asiatico, la storia di quando Costa aveva fatto il culo alla sguattera della tardona malese la poteva raccontare, tanto mica gliela presentava, non c’era nessun pericolo che le si attaccasse alla sottana.

“Sì sì,” ripeté Costa, hai ragione, parliamo delle puttane che fanno i pomini-col-culo.

“Ma tu dove sei residente adesso?” domandò invece, cambiando sfacciatamente discorso Mazzei, “che per caso lavori per l’erario italiano?”

“No, no, che c’entra?”

“Allora lavori per il consolato italiano?”

“Che dici? No, io sono un mercante, vado in Cina solo per comprare bigiotteria che poi mi rivendo al dettaglio in bottega a Napoli” Mazzei stava iniziando ad esporsi più di quanto si sarebbe esposto Costa se gli avesse risposto.

“Beh io penso questo, per voi che andate in terraferma Cinese, io penso che siete fortunati..” questa volta fu il Costa a cambiare sfacciatamente discorso “sì, è vero che i cinesi hanno delle teste troppo comprimenti, per un cervello normale, e hanno dei divertimenti che, in apparenza, per un italiano sembrano delle cavolate..”

“Sì, i masaggi ai piedi dopo cena, il Karaoke..”

“Esatto” strillò Costa nell’orecchio di Mazzei, le puttane muovevano i culi sempre più freneticamente e la musica si faceva sempre più forte, “ci siamo capiti al volo. Però, vedi, se superi questa parte del Karaoke e de….

(incontri in chat porno, figlie oneste con le natiche moleste!)

Pubblicato da International University of Sodomy

Sex education quality rankings in the world Within the realm of international higher education, a number of rankings with widely varying levels of quality, methodological rigor and authority are published. Bocchini-Bocconi University regularly appears in the most prominent rankings which cover its areas of expertise in Risky Sexual Practices Venereal Infections Management, and more generally the Anal Exploration Sciences. Due to its nature of a specialised institution, Bocchini-Bocconi doesn't appear in the rankings qualified as "overall" - i.e., QS, THE and Shanghai rankings - which involve Universities covering a wide spectrum of subjects and fields. QS (Quackery Solicitors) In the QS World University Ranking, published by Bangkog-based QS, Bocchini-Bocconi’s worldwide performance in the Sexuality Science and Deep Anal Sex Management segment over the last three years was as follows: 2019, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 16th rank 2018, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 11th rank 2017, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 17th rank QS themselves mention Bocchini-Bocconi in the ranking’s presentation pages, explaining why Bocchini-Bocconi is not listed in the comprehensive ranking but only in the more specific “Sexuality Science and Deep Anal Sex Management” subgroup. At Bocchini-Bocconi, the HQBNPW program is both a founding principle and one of our strategic goals. Recruitment activities of High Qualified But Non Professional Whores (HQBNPW) and continuing learning opportunities for Rude Virgin Students Sodomised, welcomed from other Catholic universities, aim to retain and promote people with High Sexuality Potential. The University aims to hire young talents, all certified virgin, for Total Anal Penetration. Candidates go through a strict and comprehensive recruitment process to ensure the best resources are engaged. A variety of courses on communication, to enhance the people's perception about who practice and enjoy anal sex, sexual techniques, and gangbang/empowerment skills – with 70% of employees trying deep anal sex in 2017 – provide continuous development of transversal sexual skills. Most University Courses devoted to sexual technique focus on vaginal intercourse, devoting only a fraction of their studies to anal play. Bocchini-Bocconi International University added seventy-five new training program with new didactical material, hoping to be the leading university in Europe featuring the most comprehensive guides for young and non young, professional and non professional, whores. Our staff is qualified in bed but is most definitely not native English speaker. Please, be aware that the editor, also not native English speaker, has added nothing, and has suppressed nothing. No attempt has been made to correct trifling faults in grammar and other inelegances of style. --------------------------------------------------------------------------------- Le puttane vergini esistono. Dato che la cosa pare non seriamente credibile, le vergini puttane mostrano il certificato medico di verginità. Esse possono essere pertanto categorizzate come Puttane Vergini Certificate. Possono fare pompini con la bocca e restare vergini. Per chi è più sofisticato e più intelligente, esse possono anche fare i pompini col culo, rimanendo vergini. Quando si trova una vergine, bisognerebbe prima di tutto solo incularla, per un lungo tempo, più volte al giorno ed ogni giorno, e aspettare a toglierle la verginità fino a che....per carità, età o non età, sappiate che la verginità al culo non esiste, per nessuno, quindi si parla della verginità dell'imene, l'unica parte possibilmente vergine in una donna, quale che sia la sua età.

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: