(incontri in chat porno, Vergini Villane Sodomizzate!)

Quando una donna rifiuta il sesso anale, anche se lo rifiuta categoricamente, non importa, ci sono modi per farle cambiare idea e per farle capire quanto inculare e farsi inculare può essere più eccitante anche per lei. Naturalmente, il più semplice e funzionale di questi sistemi è quello suggerito dal prof. Troiano, la cui massima fondamentale, prima di essere ammazzato, è sempre stata

– “E tu insisti!!”

Insistendo, infatti, si ottiene tutto, anche la verità; e la verità è che il sesso anale è la più nobile arte della creatura umana e che nessuna donna vorrebbe mai esserne privata. Il dottor Benandinelli, studioso delle misure dei piselli, che aveva seguito tutte le lezioni del prof. Troiano, prima che lo ammazzassero certi ceffi assoldati dal marito cornuto di una delle donne sposate che sodomizzava una volta a settimana, senza lasciarsene scappare nemmeno una, non insistette con la nipotina, non quella sera. E le permetteva di dormire in camera sua nonostante che avesse le mestruazioni; gli teneva occupata la stanza senza scopare, i bocchini non li faceva per via del famigerato apparecchio che si era fatta installare in bocca dal solito dentista senza scrupoli, il culo non voleva farselo più fare…

– “E allora cosa te la tieni a fare?” –

Gli aveva domandato diretto, giustamente, il prof. Troiano, lasciandolo di stucco al telefono mentre era sdraiato a guardare la TV, con lei appollaiata addosso a lui, dormendo di coccole e di affetto privo di intimità anale. E cosa se la teneva a fare? Quella settimana, la creatura, la nipotina indolente, avrebbe dovuto starsene a casa della sorella, dove dormiva ufficialmente, anziché occupargli la stanza e tenerlo vincolato e distante dai locali delle puttane dai sederi infaticabili.

Ma il Benandinelli prima o poi si vendicava, sempre, e l’occasione si presentò proprio quando conobbe la sorellina di Sonia di Oristano. Era una ragazzetta cicciottella ma aveva un sorriso bellissimo di denti bianchissimi; era giovanissima, persino più giovane della sua nipotina; dopo essersi fatto scroccare un paio di cene da lei e dalle sue amiche obese, il Benandinelli era riuscito a portarsele tutte e tre in camera; due di loro se ne andarono presto ma lei si era portata la borsa del ricambio e avrebbe presto lasciato nel cestino del bagno l’assorbente reo-geolocalizzante, il salva-slip che avrebbe consentito al Benandinelli di riprendere a inculare la nipotina con il sedere indolente. Scoprendo che lui dormiva con altre, scoprendo quell’assorbente maledetto, infatti, lei, invece di piantarlo riprese a farsi inculare, proprio in base a quella stessa legge che condannava donne più mature di lei, come Antonietta, che ora non poteva più nemmeno sognare di avere le chiappe della sua nipotina, che guadava con odio, ma il suo buco del culo era ancora forte come allora, come quando aveva l’età della sua nipotina, e chi la inculava doveva dimenticare presto il problema delle chiappe molle.

Le chiappone voluminose di Antonietta non erano state così toste da chissà quanti anni; da talmente tanti da fare persino dubitare che un giorno lo fossero mai state. Il marito di Antonietta, avvocato cornuto, e avvocato pure lui per hobby ma che di professione era allenatore di una squadra di calcio di categoria 4d, sezione per normali, che accompagnava sempre in trasferta. Lo chiamavano Cisco, l’avvocato Balestrino, che al posto del pisello si ritrovava un pistolino. Camminava e osservava quelle natiche irraggiungibili che urtavano contro le gonne leggere e morbide, senza inghiottire il tessuto nello spacco del mezzo, ma sempre spingendo contro i suoi occhi avidi un’energia carica di ormoni che lo facevano rizzare tutto e con lui tutti i suoi peli.

La troia di Antonietta non era andata a lavorare, quel mattino; aveva preferito indugiare a letto fino all’una per poi rompere i coglioni a lui e non farlo lavorare. La sera prima si era ubriacata di vino per cazzi suoi, mentre lui si era coricato alle 8 per non prepararle la cena. ‘Sta troia, pensava, la sera si ubriaca, beve vino e fuma, perché le puttane bevono vino e fumano, le puttane devono fumare. Questi erano i pensieri che turbavano il Balestrino mentre si recava all’appuntamento con Sharon, la femmina dal quarto posteriore leggermente abbondante che aveva incontrato in web cam porno. Le webcam porno erano una ragione di vita oramai per il Balestrino; il fatto sta che ci spendeva un sacco di tempo e che con le webcam porno il Balestrino ci aveva incontrato un sacco di femmine; non solo, ci aveva incontrato anche la moglie Antonietta, e l’aveva conosciuta proprio mentre ne aveva più bisogno. Alla moglie non dedicava più tanta attenzione, dopo tanti anni di convivenza; il culo non glielo faceva più e, scoparla, la scopava sempre di meno; persino i bocchini ad ingoio totale si stavano riducendo in maniera preoccupante; era ora di trovarsi un’altra femmina da scopare a lato; una puttana da scopare prima del rientro di lei, così da prenderla di sorpresa, ancora eccitato dal ricordo della scopata appena fatta con la puttana, scopata senza preservativo, la prendeva e la sbatteva sul letto….

La prima volta che le aveva chiesto di uscire in Chat porno, la sua risposta intelligente fu: “per chi mi hai presa? Ma come fai a chiedermi il numero di telefono che ci siamo appena conosciuti?”

– “Ma come, “Come fai a chiedermi il numero di telefono che ci siamo appena conosciuti?” “Perché?…. Che c’è di strano?, ti ho vista pisciare, ti ho visto il buco del culo, ti ho visto lubrificarti indice e medio della mano sinistra ed infilarli dentro e fuori, dentro e fuori, dal buco del culo, ti ho chiesto di farti ricrescere i peli della figa, te li sei fatti ricrescere, grazie a Gesù, viva viva Gesù, nostro signore che non ci caga da lassù! E però il numero di telefono non me lo dai?”

E lei insisteva, come se non avesse capito l’obiezione, e non l’aveva capito, perché non ascoltava e non capiva mai un cazzo.

“Ma per chi mi hai preso, scusa?” – La retorica delle tardone perditempo, e in particolare delle tardone italiane perditempo, lo irritava da sempre, perlomeno da quando aveva preso coscienza del fatto che il tempo era limitato e non si divertiva più a sentire le chiacchiere inutili delle donne; imparare, lavorare sodo ed imparare a sopportarne una era già un’impresa; quindi meglio non perdere più troppo tempo, pensava, con le donne italiane che erano tutte viziate dalle pretese di uomini affamati e costrette a farsi rincorrere da un malinteso rigore morale;  solo che si era trovato in Italia e in quel momento non aveva altro sottomano che quelle tardone che gli faceva conoscere la sua ex convivente. Decise di andare diretto, anche se sapeva che era inutile: – “voglio fare l’amore con te”.

– “Non sono una prostituta”

– “Infatti non avevo nessuna intenzione di darti dei soldi”.

(webcam mature: meglio donne a pagamento)

E con questo chiuse, divertito e scazzato, come si conveniva al fesso del suo amico giardiniere, il professore associato part-time Luca Martine, il quale pensava di conquistare le donne con le barzellette cretine, o con le scoregge, ripetendo il gioco del tira-dito. Pareva impossibile, eppure il suo amico faceva proprio così, e dire battute cretine, offendere le donne che lo scansavano, andare appresso alle gatte e all’orto; lui sì che avrebbe avuto il tempo per sentirle e magari avrebbe anche imparato qualcosa da mettere in memoria in quella testa dura e vuota…

(incontri in chat porno, noi dell’osteria delle puttane qualificate!)

Pubblicato da International University of Sodomy

Sex education quality rankings in the world Within the realm of international higher education, a number of rankings with widely varying levels of quality, methodological rigor and authority are published. Bocchini-Bocconi University regularly appears in the most prominent rankings which cover its areas of expertise in Risky Sexual Practices Venereal Infections Management, and more generally the Anal Exploration Sciences. Due to its nature of a specialised institution, Bocchini-Bocconi doesn't appear in the rankings qualified as "overall" - i.e., QS, THE and Shanghai rankings - which involve Universities covering a wide spectrum of subjects and fields. QS (Quackery Solicitors) In the QS World University Ranking, published by Bangkog-based QS, Bocchini-Bocconi’s worldwide performance in the Sexuality Science and Deep Anal Sex Management segment over the last three years was as follows: 2019, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 16th rank 2018, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 11th rank 2017, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 17th rank QS themselves mention Bocchini-Bocconi in the ranking’s presentation pages, explaining why Bocchini-Bocconi is not listed in the comprehensive ranking but only in the more specific “Sexuality Science and Deep Anal Sex Management” subgroup. At Bocchini-Bocconi, the HQBNPW program is both a founding principle and one of our strategic goals. Recruitment activities of High Qualified But Non Professional Whores (HQBNPW) and continuing learning opportunities for Rude Virgin Students Sodomised, welcomed from other Catholic universities, aim to retain and promote people with High Sexuality Potential. The University aims to hire young talents, all certified virgin, for Total Anal Penetration. Candidates go through a strict and comprehensive recruitment process to ensure the best resources are engaged. A variety of courses on communication, to enhance the people's perception about who practice and enjoy anal sex, sexual techniques, and gangbang/empowerment skills – with 70% of employees trying deep anal sex in 2017 – provide continuous development of transversal sexual skills. Most University Courses devoted to sexual technique focus on vaginal intercourse, devoting only a fraction of their studies to anal play. Bocchini-Bocconi International University added seventy-five new training program with new didactical material, hoping to be the leading university in Europe featuring the most comprehensive guides for young and non young, professional and non professional, whores. Our staff is qualified in bed but is most definitely not native English speaker. Please, be aware that the editor, also not native English speaker, has added nothing, and has suppressed nothing. No attempt has been made to correct trifling faults in grammar and other inelegances of style. --------------------------------------------------------------------------------- Le puttane vergini esistono. Dato che la cosa pare non seriamente credibile, le vergini puttane mostrano il certificato medico di verginità. Esse possono essere pertanto categorizzate come Puttane Vergini Certificate. Possono fare pompini con la bocca e restare vergini. Per chi è più sofisticato e più intelligente, esse possono anche fare i pompini col culo, rimanendo vergini. Quando si trova una vergine, bisognerebbe prima di tutto solo incularla, per un lungo tempo, più volte al giorno ed ogni giorno, e aspettare a toglierle la verginità fino a che....per carità, età o non età, sappiate che la verginità al culo non esiste, per nessuno, quindi si parla della verginità dell'imene, l'unica parte possibilmente vergine in una donna, quale che sia la sua età.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: