Dalla lettera di San Giuseppe Bizzotto, Apostolo, alla sorella, prima di farle il sedere tre volte al giorno, per tutta la durata della trasferta del marito.

“Tu devi avere una vita vuota. E allora fai la cronistoria della vita degli altri. Quando avevo 18 anni scrivevi tutti i cazzi miei sui tuoi 5-6 diari; ma il diario non dovrebbe essere dedicato alle questioni personali di chi le scrive?

Sì, ma tu, non sapendo cosa scrivere di personale, dovevi fare la “fotografa” e raccontare a chissà-chi i cazzi non tuoi ma d’altri, ed erano i cazzi miei.

Ne hai fatte tante altre ma ora vai in giro con le figlie delle mie amiche, dopo aver sparlato di loro, delle mie amiche puttane, per decenni, assieme alle tue amiche analfabete del paesello.

E perché lo fai? Non hai amici tuoi? Non puoi giocare con i figli di puttane degli amici tuoi? Non puoi giocare con i ladri, e figli di puttana, dei figli di puttana dei figli del tuo nuovo marito?

Perché non vai ad indagare sui fatti personali di quei ladri di tacchini? Perché non vai ad indagare sul prossimo cancro alla gola di tuo marito? Ci sono due categorie di persone che sono irrimediabilmente deprecabili: i rinnegati e gli infami, quelli che raccontano balle in giro a spese d’altri.

Tu sei rinnegata (tanto è vero che hai rinnegato nonna e zio, dopo che ti hanno coccolato per anni) e sei pure infame, perché vai in giro da sempre ad occuparti dei fatti degli altri e ciarlare, a raccontare balle sui cazzi d’altri.

Perché motivo devi impicciarti dei cazzi miei? Cosa ti ho fatto? Perché non provi per una volta a farti i cazzi tuoi? Anche se ti accoppi con il peggiore dei figli di cani affamati, ignorante e deficiente, come fa nostra madre, questa volta hai un cane grande, un San Bernardo, e allora come può essere che tu non lo veda e non ti accorga di lui?

Fagli qualche pompino, se gli trovi l’uccellino, in mezzo a tutta quella inutile massa informe, ma togliti dalle mie questioni, per sempre, per sempre, ho detto, altrimenti mi costringi ad occuparmi delle tue, e ti assicuro che se vengo in Italia, e se voglio, di questioni tue (o del trombone con cui ti sei accoppiata, o dei suoi figli di puttana e ladri) ne trovo.”

“Bisogna stare attenti”, pensò Bizzotto, “ogni compressione, ogni costrizione, rappresentano un rischio per il coglione”. Certo, perché se era poi vero che le donne delle isole Fiji non conoscevano il cancro al seno, per la sola ragione che non usavano il reggiseno, motivi analoghi dovevano, o potevano, indurre, anche un analfabeta come Giuseppe Bizzotto, alla conclusione che pure il cancro al testicolo si poteva scansare, quantomeno si poteva cercare di non provocarlo, evitando compressioni, costrizioni eccetera. Perciò bisognava stare attenti a come ci si sedeva, se i pantaloncini erano fuori misura, perché ti costringevano i coglioni e, se pure il tumore al testicolo era l’unico tipo di cancro dal quale si poteva guarire era sempre meglio farne a meno del tutto. Braghette “Fuori misura”? Era lui che era fuori misura, e non era riuscito a calare altro che soli 15 chili, sul totale dei 35 che si era promesso di perdere. Era un periodo in cui le cose non andavano come dovevano per il prof. Giuseppe Bizzotto, primario di oncologia presso la clinica Salus Bisquit Mei, di Smagliature sul Ventre, in provincia di Siracusa, dove te lo mettono nel sedere con ogni scusa, e specializzato pure in diabetologia, ammesso che una tale specialità fosse poi esistita per davvero.

La ragione fondamentale per la quale, negli ultimi 4 anni, per lui, le cose non andavano come dovevano, era distintamente incastrata nel sistema e nell’isola nella quale si era ridotto a vivere. Di tutti i posti d’oriente e d’occidente che aveva frequentato negli ultimi 25 anni, era finito a dimorare proprio nell’unica fogna in cui non si trombava. Era un’isola oscena, inquinata dal traffico e dalle industrie, con delle spiagge paludose e lerce, dove i bambini giocavano alle “sabbie mobili”, e ci si mangiava malissimo. Come poteva non averlo saputo prima? Per Bizzotto, specialista nell’uso del biscotto, abituato a fare le batterie con almeno 3-5 puttane dal mattino fino a notte e poi al successivo mattino, si trattava chiaramente di una situazione paradossale. E non dimagriva, nonostante si mangiasse male, perché beveva quantità smodate di superalcolici. Non trovava altri svaghi che il bere.

Nondimeno, pareva non riuscire a venirne fuori. Erano le 12:30, più o meno, aveva appena perso il treno delle 12:00, circa, e aveva dovuto aspettare quello successivo, che avrebbe dovuto accompagnarlo all’appuntamento con un altro personaggio immaginario, il tale finto professore, anche lui evidentemente costretto all’omosessualità e/o alla masturbazione forzosa dalla ignobile condizione sociale di quell’arcipelago maledetto.

Chi era quel finto professore? Chi cazzo era?

Pubblicato da International University of Sodomy

Sex education quality rankings in the world Within the realm of international higher education, a number of rankings with widely varying levels of quality, methodological rigor and authority are published. Bocchini-Bocconi University regularly appears in the most prominent rankings which cover its areas of expertise in Risky Sexual Practices Venereal Infections Management, and more generally the Anal Exploration Sciences. Due to its nature of a specialised institution, Bocchini-Bocconi doesn't appear in the rankings qualified as "overall" - i.e., QS, THE and Shanghai rankings - which involve Universities covering a wide spectrum of subjects and fields. QS (Quackery Solicitors) In the QS World University Ranking, published by Bangkog-based QS, Bocchini-Bocconi’s worldwide performance in the Sexuality Science and Deep Anal Sex Management segment over the last three years was as follows: 2019, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 16th rank 2018, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 11th rank 2017, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 17th rank QS themselves mention Bocchini-Bocconi in the ranking’s presentation pages, explaining why Bocchini-Bocconi is not listed in the comprehensive ranking but only in the more specific “Sexuality Science and Deep Anal Sex Management” subgroup. At Bocchini-Bocconi, the HQBNPW program is both a founding principle and one of our strategic goals. Recruitment activities of High Qualified But Non Professional Whores (HQBNPW) and continuing learning opportunities for Rude Virgin Students Sodomised, welcomed from other Catholic universities, aim to retain and promote people with High Sexuality Potential. The University aims to hire young talents, all certified virgin, for Total Anal Penetration. Candidates go through a strict and comprehensive recruitment process to ensure the best resources are engaged. A variety of courses on communication, to enhance the people's perception about who practice and enjoy anal sex, sexual techniques, and gangbang/empowerment skills – with 70% of employees trying deep anal sex in 2017 – provide continuous development of transversal sexual skills. Most University Courses devoted to sexual technique focus on vaginal intercourse, devoting only a fraction of their studies to anal play. Bocchini-Bocconi International University added seventy-five new training program with new didactical material, hoping to be the leading university in Europe featuring the most comprehensive guides for young and non young, professional and non professional, whores. Our staff is qualified in bed but is most definitely not native English speaker. Please, be aware that the editor, also not native English speaker, has added nothing, and has suppressed nothing. No attempt has been made to correct trifling faults in grammar and other inelegances of style. --------------------------------------------------------------------------------- Le puttane vergini esistono. Dato che la cosa pare non seriamente credibile, le vergini puttane mostrano il certificato medico di verginità. Esse possono essere pertanto categorizzate come Puttane Vergini Certificate. Possono fare pompini con la bocca e restare vergini. Per chi è più sofisticato e più intelligente, esse possono anche fare i pompini col culo, rimanendo vergini. Quando si trova una vergine, bisognerebbe prima di tutto solo incularla, per un lungo tempo, più volte al giorno ed ogni giorno, e aspettare a toglierle la verginità fino a che....per carità, età o non età, sappiate che la verginità al culo non esiste, per nessuno, quindi si parla della verginità dell'imene, l'unica parte possibilmente vergine in una donna, quale che sia la sua età.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: