IMPERFETTO, inculare la tardona senza il letto

Uno che si sente intelligente è sempre pronto a vantarsi con sé stesso per le sue buone intuizioni e per la sua capacità di evitare gli inutili fronzoli con i quali la realtà viene rappresentata ai più; le palline colorate e le storie fantastiche servono a confonderli, e non certo per il loro vantaggio. Ciò non toglie che, anche la persona che sa di essere intelligente, compie a sua volta una serie di atti cretini e offre spesso, a chi lo ascolta, una serie di affermazioni inusitate, talvolta cretine, talvolta dannose in altro modo; anche l’uomo intelligente fa delle scemenze, come gli altri, e a volte anche peggio degli altri; e però poi si pente, si duole, si mette e rimette in discussione per vedere se, quando, dove e cosa ha sbagliato; rivede i suoi sbagli recenti e passati, li rivede ogni anno, durante ogni notte insonne, e si promette, spesso inutilmente, di non ripeterli.

Danzi era una persona intelligente, nessuno si sarebbe sognato di dire il contrario. E infatti, ora, accompagnandosi ogni giorno con 3-4 bottiglie di vino – 3-4 di vino, di solo vino, ma quando non viaggiava, perché, se viaggiava, allora al vino si aggiungevano le varie acquaviti, i dolcissimi veleni protoplasmatici che gli facevano gonfiare le vene pompose delle tempie, spaventando la sua seconda utile moglie, che non dormiva per il tremendo russare di lui, e che lo guardava indecisa se chiamare un dottore o no, temendo che quelle vene gli stessero per scoppiare – se ne stava a rimuginare sugli errori passati e sul come si potevano confrontare con quelli presenti; cosa aveva sbagliato, fondamentalmente?

Alcuni errori, sicuramente, erano la copia carbone degli errori passati; altri, forse, erano solo le pareti contro le quali si sbatte quando ci si trova davanti ad un imprevisto. Gli imprevisti va bene, ma perché aveva rifatto tutto quasi come quella volta, con leggerezza, con fretta, senza un piano preciso? Erano due anni che progettava, che tentava di progettare, che tentava di fabbricare un piano per fare quello che voleva e che doveva fare. Si trovava a parlare con sé stesso in spiaggia, per ore e ore, prima di riprendere in mano la prima birra e rimandare tutto al domani. Oggi sapeva bene cosa avrebbe dovuto fare allora; ma allora non lo sapeva, non lo pensava, non lo immaginava, non lo pianificava e non lo faceva. E sì che ci aveva provato molte volte ad immaginare un mezzo, una tecnica, un sistema che non fosse improvvisato.

Di una cosa era però sicuro e soddisfatto; grazie a questi improvvisati “cinque minuti di paura”, aveva ripreso a scopare; non a inculare, purtroppo, perché da troppo tempo oramai si era rassegnato all’indolenza di quella vita da coniuge stronzo, mantenuto dalla moglie lecca-scroti e lecca buchi-di-culo-anglosassoni-circoncisi-perché-lo-dice-la-moda e tranquillo. Ora aveva riscoperto, dopo 4, forse 5, tediosissimi anni, cosa significava vivere non rassegnati. C’era più paura, quello sì, ma era anche quella adrenalina, o no?

Adrenalina era vita, adrenalina è vita. Ora aveva ripreso a guardare la pelle delle giovani gambe delle giovani puttane che si allenavano in palestra, aprendo le natiche e forzandole sempre a stare sistematicamente spalancate, con un particolare occhio anatomico; aveva ripreso a percorrere tutta quella pelle di giovani gambe di giovanissime puttane con gli occhi pieni di saliva, con le anche pronte all’apertura, per spingere in mezzo a quelle loro chiappe moleste, du-metri-de-cazzo. durissimo, venosissimo e fibrosissimo, storto a sinistra ma chi se ne frega, era grosso e pastoso, sempre tosto, in erezione totale e perpetua, e sempre pronto a far zampillare fuori litri di sborrate fluide e dolciastre.

Aveva preso a scopare dalle dieci del mattino, cominciando a schiacciare lo scroto arricciato sul culo largo e gonfio della tardona dai lunghi capelli neri e dalle tettone trattenute a forza dal corpetto da puttana di lungo corso, quel busto da bagascia navigata e quasi giubilata che serviva anche a trattenere le trippe e le viscere molle, che gli sorrideva in piedi, dalla vetrina del negozio a fianco al sexy-shop, al secondo piano di quel centro commerciale pervertito, di uno di quei tre complessi uguali, che non riusciva mai a distinguere l’uno dall’altro, nella Chinatown di Singapore. Non ci passava nessuno al secondo piano a quell’ora; nessuno tranne il Danzi, e lei pareva che lo avesse saputo già dal primo giorno, altrimenti che cavolo ci stava a fare a quell’ora? E chi altro sarebbe mai andato lì a scoparla alle dieci del mattino, se mai qualcuno, altro che Osvaldo Danzi, avrebbe mai voluto metterla in batteria? Nessuno. Lei era grata a lui tanto quanto lui lo era a lei. Lei, perché finalmente qualcuno poteva apprezzare le sue qualità inesistenti e lui, perché era in ansia, dormiva male e si svegliava male, l’ansia gli restava addosso da quando andava a dormire a quando si destava, e quindi doveva infilare una vacca, montarla, e meglio se era una vacca navigata, con i fianchi larghi, protettivi, che gli davano la sensazione di scopare una donna grande, adulta, più larga della sua pancia, una vacca vera, una donna vera, una vacca vera. “Sono cretinate, evidentemente. Provate a scopare una ragazza di 20 anni del Laos e vi renderete subito conto di cosa sia farsi fare i pompini col culo”. Danzi lo sapeva, ma quei fianchi larghi e quelle gambe lunghe, quei tessuti un poco molli, gli davano una sensazione di protezione, alle dieci della mattina, dopo il caffè, il whiskey e l’ansia che rimaneva. E poi, alle dieci della mattina, in quel finto centro commerciale, con la metà dei negozi chiusi, negozi poi che, dio schifoso, non avevano un benamato cazzo a che fare con le scopate e con la prostituzione o con i massaggi; ma che cavolo volete trovare a quell’ora, lì, dio cane? Era o non era un opera giusta, quella d’infilzare profondamente la tardona giubilata sul lettino stretto, la vacca giubilata che altrimenti nessuno si sarebbe scopata?

 

Donne Imperfette in WebCam Erotiche

Pubblicato da International University of Sodomy

Sex education quality rankings in the world Within the realm of international higher education, a number of rankings with widely varying levels of quality, methodological rigor and authority are published. Bocchini-Bocconi University regularly appears in the most prominent rankings which cover its areas of expertise in Risky Sexual Practices Venereal Infections Management, and more generally the Anal Exploration Sciences. Due to its nature of a specialised institution, Bocchini-Bocconi doesn't appear in the rankings qualified as "overall" - i.e., QS, THE and Shanghai rankings - which involve Universities covering a wide spectrum of subjects and fields. QS (Quackery Solicitors) In the QS World University Ranking, published by Bangkog-based QS, Bocchini-Bocconi’s worldwide performance in the Sexuality Science and Deep Anal Sex Management segment over the last three years was as follows: 2019, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 16th rank 2018, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 11th rank 2017, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 17th rank QS themselves mention Bocchini-Bocconi in the ranking’s presentation pages, explaining why Bocchini-Bocconi is not listed in the comprehensive ranking but only in the more specific “Sexuality Science and Deep Anal Sex Management” subgroup. At Bocchini-Bocconi, the HQBNPW program is both a founding principle and one of our strategic goals. Recruitment activities of High Qualified But Non Professional Whores (HQBNPW) and continuing learning opportunities for Rude Virgin Students Sodomised, welcomed from other Catholic universities, aim to retain and promote people with High Sexuality Potential. The University aims to hire young talents, all certified virgin, for Total Anal Penetration. Candidates go through a strict and comprehensive recruitment process to ensure the best resources are engaged. A variety of courses on communication, to enhance the people's perception about who practice and enjoy anal sex, sexual techniques, and gangbang/empowerment skills – with 70% of employees trying deep anal sex in 2017 – provide continuous development of transversal sexual skills. Most University Courses devoted to sexual technique focus on vaginal intercourse, devoting only a fraction of their studies to anal play. Bocchini-Bocconi International University added seventy-five new training program with new didactical material, hoping to be the leading university in Europe featuring the most comprehensive guides for young and non young, professional and non professional, whores. Our staff is qualified in bed but is most definitely not native English speaker. Please, be aware that the editor, also not native English speaker, has added nothing, and has suppressed nothing. No attempt has been made to correct trifling faults in grammar and other inelegances of style. --------------------------------------------------------------------------------- Le puttane vergini esistono. Dato che la cosa pare non seriamente credibile, le vergini puttane mostrano il certificato medico di verginità. Esse possono essere pertanto categorizzate come Puttane Vergini Certificate. Possono fare pompini con la bocca e restare vergini. Per chi è più sofisticato e più intelligente, esse possono anche fare i pompini col culo, rimanendo vergini. Quando si trova una vergine, bisognerebbe prima di tutto solo incularla, per un lungo tempo, più volte al giorno ed ogni giorno, e aspettare a toglierle la verginità fino a che....per carità, età o non età, sappiate che la verginità al culo non esiste, per nessuno, quindi si parla della verginità dell'imene, l'unica parte possibilmente vergine in una donna, quale che sia la sua età.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: