..dicevo, parlando di inculate non pianificate, fece cinquanta metri e s’imbucò, o meglio, provò ad imbucare l’entrata, nel “localetto” nascosto nella “vietta” buia. Il Marognoli era andato in quel buco di locale per anni, anni, eppure non si era neppure mai chiesto come cavolo si chiamasse quel locale, così, non lo sapeva neppure Fracesco Paolo Mazzei e, conseguentemente, non lo so dire neppure io qui. Il Mazzei dovette fermarsi subito all’entrata, perché c’era un gruppo di negri, di turisti negri, perché oggi come oggi i negri che viaggiano non sono più “migranti”, o “immigrati clandestini”, no, sono considerati a tutti gli effetti come dei turisti dal mondo occidentale industrializzato.

Chiariamo subito che dire “Hong Kong”, de facto, non ha mai significato dire “Cina comunista”. Sono concetti de facto separati e, de facto, tutto quello che si può fare a Hong Kong non si fa in Cina, storicamente, e viceversa.

Per esempio, a Hong Kong sono tutelati i cosiddetti “diritti umani”, non esiste la pena di morte, la polizia non ti può trattenere più di 48 ore in stato di fermo senza incriminarti, hai diritto, durante l’interrogatorio, ad un traduttore che parla la tua lingua, quella che si presume che tu parli dal tuo passaporto, il quale traduttore, o la quale traduttrice, quasi certamente una come Sonia o come Jessica, che sono due succhia-cazzi circoncisi, essendo puttane raccomandate dal consolato italiano, per esempio, oltre ad essere analfabete, non hanno mai voglia di fare un cazzo e passano tutto il tempo a fare i pompini, con la bocca e con il culo, agli ubriaconi anglosassoni dei locali, manco a dirlo, di Wan Chai, sì, ma anche di Lan Kwai Fong.

Chiamata ad assisterti dai poliziotti alla mattina, con la bocca ancora piena di sborra fredda, e la testa che duole per i troppi vodka-tonic bevuti a scrocco la sera prima, prima di farsi riempire la bocca e il culo di cazzi mosci, fetenti e circoncisi (perché fra gli anglosassoni va di moda farsi mutilare il cazzo e lo fanno spontaneamente) si rende disponibile dopo una settimana. Ecco che la polizia deve rilasciarti su cauzione, perché non ha a disposizione un’interprete e quindi non ti può interrogare entro le 48 ore che ha a disposizione. La cauzione è negoziabile, e può essere una cifra simbolica, ridicola, perché tanto ti devono rilasciare per forza, visto che non possono interrogarti. 

Durante quella settimana te ne puoi anche andare all’estero, prendere il primo aereo per una destinazione qualunque, e nessuno ti dice nulla.

Col cazzo che ti lasciano andare dalla Cina comunista, se e quando ti prendono, e questo può valere bene anche se sei impelagato in una lite civile (gli avvocati e i consolati non ne sanno niente di niente).

Quindi, rispetto del cosiddetto “stato di diritto” in Hong Kong SAR, anche perché, se dovessero processare tutti gli inglesi che si ubriacano e che si rincorrono sbraitando o che si menano per le strade di Wan Chai dopo una certa ora, i magistrati inglesi non avrebbero da fare altro che badare ai loro stupidi processi.

E però capitava pure che un turista bianco, come era il Mazzei, non potesse entrare in un locale di puttane-acclarate, solo perché un gruppo di negri crocchiava fuori dalla porta, proprio all’entrata.

“Che succede?” Domandò Mazzei al primo negro vicino a lui, che poi era quello più arretrato rispetto al banchetto dei butta-fuori che fingono di darti i biglietti per entrare.

“Niente” fece il negro “non ci fanno entrare..”

“È successo qualcosa?”

No, you are good” gli rispose un altro “you are good” e con ciò voleva dire che lui, essendo bianco, poteva entrare tranquillamente; loro, invece, essendo negri, no. Ed ecco un’altra cosa che probabilmente non si vedeva tanto spesso in Cina comunista, primo perché i negri in Cina erano pochissimi, Marognoli poteva averne visti 2 in 8 anni, e, secondo, perché, per i cinesi della Cina comunista, uno straniero era sempre uno straniero, anche se negro, e lo trattavano con il rispetto che merita chiunque sia in grado di pagare per le consumazioni in un locale pubblico. Certo, se domandavi al tassista cinese di ammettere che il negro gli puzzava in macchina, il cinese, che ha il fiuto di un cane da tartufi, non esitava a dirti che era disgustato dell’odore della pelle dei negri. Ma non si sarebbe mai azzardato a prendere l’iniziativa per dirtelo, se non fossi stato prima tu a domandare.

Mazzei attraversò il crocchio dei negri e si buttò giù per la scalinata, Lisa era già lì che lo aspettava, anche se non era proprio lui in persona che stava aspettando. Non c’era nessun biglietto da pagare, non si pagava l’entrata nei locali di Hong kong. I finti-bigliettai erano piuttosto dei veri butta-fuori, il cui compito era solo quello di scremare i clienti all’entrata; il criterio era semplicissimo: bianchi e gialli, facoltosi e non, potevano entrare anche senza consumare, se volevano, ma chi non beveva in Hong Kong SAR? Solo gli italiani, quando non andavano a scrocco, e però erano ammessi dentro ugualmente, i negri invece stavano fuori, poco importava se avevano il portafogli gonfio oppure no. Naturalmente questa regola valeva benissimo anche per le puttane negre. Quelle stavano fuori e battevano fuori. Erano le uniche puttane che si potevano vedere in strada, oltre ai transessuali, perché a transessuali, anche asiatici, non era consentito l’ingresso nei locali, come non lo era per i negri e per le puttane negre. La cosa buffa era che le puttane liberiane, fuori dall’Amazonia, chiedevano 2000 per scopare, il doppio di ciò che potevi pagare per fare il culo a una puttana gialla. Pazzesco…

Pubblicato da International University of Sodomy

Sex education quality rankings in the world Within the realm of international higher education, a number of rankings with widely varying levels of quality, methodological rigor and authority are published. Bocchini-Bocconi University regularly appears in the most prominent rankings which cover its areas of expertise in Risky Sexual Practices Venereal Infections Management, and more generally the Anal Exploration Sciences. Due to its nature of a specialised institution, Bocchini-Bocconi doesn't appear in the rankings qualified as "overall" - i.e., QS, THE and Shanghai rankings - which involve Universities covering a wide spectrum of subjects and fields. QS (Quackery Solicitors) In the QS World University Ranking, published by Bangkog-based QS, Bocchini-Bocconi’s worldwide performance in the Sexuality Science and Deep Anal Sex Management segment over the last three years was as follows: 2019, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 16th rank 2018, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 11th rank 2017, Sexuality Science and Deep Anal Sex Management, 17th rank QS themselves mention Bocchini-Bocconi in the ranking’s presentation pages, explaining why Bocchini-Bocconi is not listed in the comprehensive ranking but only in the more specific “Sexuality Science and Deep Anal Sex Management” subgroup. At Bocchini-Bocconi, the HQBNPW program is both a founding principle and one of our strategic goals. Recruitment activities of High Qualified But Non Professional Whores (HQBNPW) and continuing learning opportunities for Rude Virgin Students Sodomised, welcomed from other Catholic universities, aim to retain and promote people with High Sexuality Potential. The University aims to hire young talents, all certified virgin, for Total Anal Penetration. Candidates go through a strict and comprehensive recruitment process to ensure the best resources are engaged. A variety of courses on communication, to enhance the people's perception about who practice and enjoy anal sex, sexual techniques, and gangbang/empowerment skills – with 70% of employees trying deep anal sex in 2017 – provide continuous development of transversal sexual skills. Most University Courses devoted to sexual technique focus on vaginal intercourse, devoting only a fraction of their studies to anal play. Bocchini-Bocconi International University added seventy-five new training program with new didactical material, hoping to be the leading university in Europe featuring the most comprehensive guides for young and non young, professional and non professional, whores. Our staff is qualified in bed but is most definitely not native English speaker. Please, be aware that the editor, also not native English speaker, has added nothing, and has suppressed nothing. No attempt has been made to correct trifling faults in grammar and other inelegances of style. --------------------------------------------------------------------------------- Le puttane vergini esistono. Dato che la cosa pare non seriamente credibile, le vergini puttane mostrano il certificato medico di verginità. Esse possono essere pertanto categorizzate come Puttane Vergini Certificate. Possono fare pompini con la bocca e restare vergini. Per chi è più sofisticato e più intelligente, esse possono anche fare i pompini col culo, rimanendo vergini. Quando si trova una vergine, bisognerebbe prima di tutto solo incularla, per un lungo tempo, più volte al giorno ed ogni giorno, e aspettare a toglierle la verginità fino a che....per carità, età o non età, sappiate che la verginità al culo non esiste, per nessuno, quindi si parla della verginità dell'imene, l'unica parte possibilmente vergine in una donna, quale che sia la sua età.

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: